Tutte diverse le donne che incontro sul mio cammino, nessuna reagisce ai problemi allo stesso modo,ognuna ha la sua via personale verso i traguardi. Quasi tutte, però, svelano una grinta interiore che mi stupisce.

Prendiamo Anna, che a 50 anni si è messa di buona lena e ha corso corso corso, finchè non è arrivata al traguardo della sua maratona. E lei stessa lo vede come il regalo più bello che si sia fatta. Anna non ha mai mollato un attimo.

Oppure Chiara e Teresa che si incontrano alle 13 al parco e, malgrado abbiano praticamente 20 anni più di me, mi fanno sudare e bruciare i muscoli. Senza mai un’espressione di noia sul volto. Corrono e basta, forte. Perchè? perchè sì, questa è vita. Perchè il principe azzurro, anche se non esiste, ce lo sogniamo lo stesso, perchè non ci si arrende mai.

E che dire di Margherita, che è intelligente e acuta come Luciana Littizzetto, ma fa la mamma con il sorriso. E non dice parolacce 😉 Corre con la grazia della gazzella, senza mai prendersi sul serio, almeno non troppo.

Poi ci sono loro, le “mie” girls, le #4girls4marathonElena, con la sua eleganza e il suo non smettere mai di credere in se stessa (Elena ti batterò sappilo!) e nel suo cuore pieno di voglia di dolcezza, ben nascosto sotto i muscoli d’acciaio; Sara,alla ricerca di quell’equilibrio che è un segreto che pochissime conoscono, Sara che anche se la giornata è no, trova la forza di regalarmi un abbraccio sempre e comunque, un abbraccio che sa di vaniglia; Marina, la velocità che non fa mai troppo rumore, la solidità del carattere abbinata al fragilità del fisico della vera maratoneta.

Potrei andare avanti, per righe e righe, nel descrivere donne che non mollano la presa sulla loro vita. Donne che non si arrendono.

Dedico, invece, questa riflessione a tutte coloro che pensano di essersi arrese definitivamente, a chi si dice “non ce la posso fare”.

Pensate ad Anna,Chiara, Teresa, Elena, Sara, Marina, Margherita… e trovate quella luce in fondo a voi.

Quella si chiama GRINTA.

Prendetela e abbattete tutti gli ostacoli fino ad afferrare la vostra vita. Senza mai girarvi indietro.

Uscite a correre, a camminare, da sole o in compagnia, ma uscite.

Gli ostacoli non esistono.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

blog

Una principessa d’eccezione: intervista con Lucilla Andreucci

Lucilla è un nome che mi fa pensare ad una fatina, leggera, leggiadra e, alle volte, un po’ vanitosa. Lucilla. Lucilla Andreucci non risponde alla mia immaginazione: caparbia, tenace, femminile, di carattere. Lucilla Andreucci è Leggi tutto…

blog

La Principessa dei parchi ha la gonna

Ieri al parco era una bella giornata. E io ero un po’ giù di morale come alle volte la vita permette che succeda. E come ogni tristezza che si rispetti ho cercato di cacciarla correndo. Attuo Leggi tutto…